18 marzo 2013

Interesting book 104


Buon pomeriggio lettori
eccomi come ogni lunedì a proporvi delle letture che, sbirciando in libreria, ho rovato interessanti!
Oggi vi propongo due libri!Il primo è un romance che mi sembra davvero promettente e che ha ricevuto una buona accoglienza dal pubblico femminile americano, mentre il secondo è un libro di un autore italiano che racconta il ritorno del protagonista nella sua città di nascita...

Titolo: Easy
Autrore: Tammara Webber
Pagine: 384
Prezzo: 12,00 euro
Editore: Leggereditore
Data di pubblicazione: 14 marzo 2013
Trama

Quando Jacqueline segue il fidanzato di lunga data al college di sua scelta, l’ultima cosa che si aspetta è di venire lasciata all’inizio del secondo anno, e di ritrovarsi single a frequentare un’università statale invece di un conservatorio di musica, ignorata da quelli che credeva essere suoi amici. Una sera, un membro della confraternita del suo ex la aggredisce, ma un misterioso sconosciuto si trova proprio al posto giusto nel momento giusto. Jacqueline vorrebbe solo dimenticare quella notte, ma il suo salvatore, Lucas, si siede il giorno dopo nell’ultima fila della classe di economia, e quando non è impegnato a disegnare la rapisce in un gioco di sguardi. Attratta da Lucas ma spaventata dalle proprie paure, Jacqueline non sa se può fidarsi di lui: vuole solo proteggerla e incoraggiarla? Lucas sembra nascondere molti segreti... eppure solo insieme potranno combattere il dolore e il senso di colpa, affrontare la verità e sperimentare l’inatteso potere dell’amore. 
 Titolo: Ora
Autore: Mattia Signorini
Pagine: 224
Prezzo: 10,50 €
Editore: Marsilio
Data Pubblicazione:  13 Marzo


Trama
Ora: non c’è passato e neppure futuro che non appaia nel presente e da qui si irradi avanti e indietro, illuminando il senso dell’esperienza e la direzione del cammino. Mattia Signorini, uno dei più originali e felici narratori italiani dell’ultima generazione, a poco più di trent’anni azzarda un bilancio esistenziale, misurandosi con il turbamento della memoria, la violenza dei ricordi, e con lo svaporare di un progetto sostenuto soprattutto dalla rabbia e dal desiderio di rivolta, per giungere a conclusioni che per la loro solidità morale, per la maturità che le sostiene, non possono non sorprendere il lettore, lasciandolo interdetto a interrogarsi sul destino di questa nostra società smarrita tra resistenza e innovazione, appunto. L’occasione gli è offerta dal ritorno al paese d’origine di Ettore, il protagonista, per svendere la casa dei genitori scomparsi un anno prima in un incidente stradale, che lo obbliga a confrontarsi con le ragioni del suo distacco, con la ricchezza delle presenze umane che animano il paesaggio campestre lungo gli argini del fiume, con gli affetti e i sentimenti che vibrano ancora tutt’intorno. In città ha lasciato una sorella più giovane, incinta, che lo aspetta ricordandogli altri doveri e responsabilità, ma anche il valore di una famiglia dispersa e distrutta non senza la loro correità: Ettore assiste alla disgregazione delle sue più radicate certezze, al confondersi di giudizi e pregiudizi, al riproporsi vitale dei valori rifiutati. Il vecchio mondo del paese con le sue persone vive e sincere si rianima per ricordargli ciò per cui vale la pena vivere, quant’è importante “appartenere a qualcosa e a qualcuno”, che sono le radici a impedire al vento di trascinare via gli alberi e noi, ma anche che “niente resta sempre uguale”, o che amarsi è “sentirsi in un mondo a parte”.

1 commento:

  1. Due proposte interessanti, soprattutto la seconda, meno pubblicizzata ma molto valida.
    Grazie!

    RispondiElimina

Il nostro blog cresce con i vostri commenti!
Lasciate un segno del vostro passaggio ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...