giovedì 10 dicembre 2015

RECENSIONE mini: La Principessa e la Regina e altre storie di donne pericolose A cura di George R.R. Martin e Gardner Dozois



Buona serata e buona lettura! Spero vi possa interessare le mia opinione ^^

Titolo: La Principessa e la Regina e altre storie di donne pericolose
A cura di George R.R. Martin e Gardner Dozois
Pagine: 400
Prezzo: 20 euro
Editore: Mondadori


Trama
“Descrivere gli eventi turbolenti e sanguinari di questo
periodo come Danza dei draghi è grottescamente inappropriato. L’espressione deve essere il frutto della
fantasia di qualche cantastorie. La morte dei draghi sarebbe
stato decisamente più esatto.” Con queste parole si apre
il nuovo il grandioso capitolo della saga di George R.R.
Martin, che sta incantando milioni di lettori in tutto il mondo. La vicenda si svolge circa due secoli prima della storia narrata nelle Cronache del ghiaccio e del fuoco e racconta la terribile guerra civile che dilaniò la famiglia Targaryen alla morte del re Viserys I. Un confl itto che vide contrapporsi fratello e sorella, draghi contro draghi. I Sette Regni divennero il teatro di una battaglia tetra e cruenta tra
le maestose creature e furono bagnati dal sangue che cadde
dal cielo. Una lettura imperdibile per gli appassionati di Martin. L’antologia, curata da Martin stesso assieme a Gardner Dozois (il più importante editor americano di
fantasy e fantascienza), non si limita al lungo testo di Martin,
delle dimensioni di un romanzo breve (circa 200 pagine):
contiene anche racconti thriller e fantastici di alcuni autori di culto, fra cui Joe R. Lansdale e Joe Abercrombie.
 
 
La lettura di questo libro è stato un fatto piuttosto "straordinario" per quanto mi riguarda perché, in tutti questi anni, ho messo mano davvero raramente a raccolte di racconti e non ne ho mai recensite prima. Questo perché prima di tutto amo i romanzi unici e non mi rilassano particolarmente le letture così variegate a causa di continui cambi di personaggi e di ambientazione, poi perché trovo davvero complesso parlarvi di più storie e più autori insieme all’interno di una recensione. Ci proverò comunque.
 In questo caso ho letto "La principessa e la regina" per pura curiosità, per potermi approcciare a molti autori fantsy che conosco solo di nome ma di cui non ho mai letto nulla e anche per leggere un racconto con protagoniste femminili di Martin(nelle recensioni dedicate alla serie ho sempre ribadito il ruolo secondario delle donne e quindi ero davvero curiosa di leggere il racconto che ha dato il titolo all’intera raccolta).
A parte le mie motivazioni di lettura, ho parzialmente apprezzato il libro; dico lo parzialmente perché ho travato davvero noioso e immotivatamente prolisso proprio il racconto di Martin. Questo autore, che sto vivamente apprezzando per le "Cronache del ghiaccio e del fuoco", non mi ha per nulla coinvolta nello scontro epico tra una principessa e una regina per la conquista del trono di spade. Ho trovato il lunghissimo racconto di Martin troppo ricco di nomi, luoghi e riferimenti ad avvenimenti passati: insomma, mi sono persa davvero velocemente e ho stentato a tenere in mente i fili della vicenda. Per questo motovo ho faticato a stare dietro l'andamento della guerra narrata e a godermi la storia, rimanendo delusa perché comunque questo racconto sarebbe dovuto essere quello di punta in tutta la raccolta mentre è stato quello che mi è piaciuto meno.
Gli altri racconti, invece, sono stati decisamente più stimolanti e interessanti: ci sono eroine di varia natura e collocate in diversissimi luoghi reali e fantasiosi, tutte però molto determinate e combattive. Non mi soffermerò su tutti ma citerò solo quelli che mi hanno colpita maggiormente. In primis mi è piaciuto “La canzone di Nora” di Cecelia Holland che è un racconto storico, (come poteva non piacermi?) mi è piaciuto anche “La conchiglia esplosiva” di Jim Butcher(che mi ha intrigato un sacco sui suoi romanzi e le sue serie fantasy!) ed infine mi ha colpita “Vicine di casa” di Megan Lindholm. Gli altri, escludendo quello di Martin, sono comunque stati un ottimo spunto.
Probabilmente leggerò il secondo volume delle raccolte, uscito recentemente, perché, a parte la presenza di un racconto della Gabaldon (Vd. La straniera), vorrei conoscere altri autori che sicuramente mi incuriosiranno e credo che la lettura di questi racconti sia un buon banco di prova per attirarmi nelle grinfie di qualche altra serie infinita.

Lya

Nessun commento:

Posta un commento

Il nostro blog cresce con i vostri commenti!
Lasciate un segno del vostro passaggio ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...