25 settembre 2017

Uscite della settimana: dal 25 settembre al 1 ottobre 2017

Buon lunedì lettori e passanti!
Come ogni lunedì eccomi a presentarvi alcuni libri in uscita questa settimana in libreria.
Oggi ho tre titoli da presentarvi, spero possano interessarvi e stuzzicare la vostra curiosità ^^

Titolo: Cuore oscuro
Autore: Naomi Novik
Pagine: 432
Prezzo: 19,50 euro
Editore: Mondadori Chrysalide
Data di pubblicazione: 26 settembre 2017

Trama
Agnieszka è una contadina diciassettenne goffa e sgraziata che vive insieme alla famiglia in un piccolo villaggio del regno di Polnya. Su tutti loro incombe la presenza maligna del Bosco, che sta progressivamente divorando l'intera regione. Per mantenere al sicuro se stessi e i loro villaggi dalle minacciose creature del Bosco e dai sortilegi mortali che lì si compiono, tutti gli abitanti della valle si affidano a un misterioso e solitario mago noto con il nome di Drago. Quest'ultimo sembra l'unico, infatti, in grado di controllare con la sua magia il potere imperscrutabile e oscuro del Bosco. In cambio della sua protezione, però, l'uomo pretende un tributo: ogni dieci anni avrà la possibilità di scegliere una ragazza tra le diciassettenni della valle e di portarla con sé nella sua torre. Un destino a detta di tutti terribile quasi quanto finire nelle grinfie del Bosco. Con l'avvicinarsi del giorno della scelta, Agnieszka ha sempre più paura. Come tutti dà infatti per scontato che il Drago non potrà che scegliere Kasia, la più bella e coraggiosa delle "candidate" nonché sua migliore amica. Ma quando il Drago comunica la sua decisione, lo sgomento è generale.

Titolo: La distanza tra le stelle
Autore: Lily Brooks-Dalton
Pagine: 336
Prezzo: 16,40 euro
Editore: Nord
Data di pubblicazione: 28 settembre 2017

Trama
Un astronomo osserva il cielo e vorrebbe perdersi tra i suoi segreti. Un'astronauta osserva la Terra e vorrebbe ritrovare la via di casa. Questa è la storia di due solitudini che si sfiorano nel silenzio. Questa è la storia di due esistenze lontane eppure vicinissime come la distanza tra le stelle.

Augustine ha dedicato la sua esistenza allo studio delle stelle. Non ha mai avuto una famiglia, né un vero amore; ha invece sempre avuto il suo telescopio, lassù, in un osservatorio astronomico nell’Artico. Così, quando scatta un allarme e gli altri scienziati vengono richiamati a casa, lui rifiuta di seguirli: è vecchio, non ha nessuno cui tornare, e ha scorte sufficienti per il tempo che gli resta. Poi le comunicazioni con l'esterno si interrompono e ad Augustine non rimane che guardare il cielo. E attendere. Sully ha sacrificato tutto per diventare astronauta. E la missione dell'Aether è stata un successo: lei entrerà nella Storia come il primo essere umano ad aver raggiunto l'orbita di Giove. Eppure, quando l'astronave è ormai vicina all'atmosfera terrestre, le comunicazioni con la base s'interrompono. Atterrita, Sully lancia un SOS, sperando che qualcuno lo raccolga. E qualcuno, nell'angolo più remoto della Terra, risponde. Grazie a quel filo invisibile, la distanza siderale tra Sully e Augustine si colma e le loro solitudini s'intrecciano in un rapporto cui entrambi si aggrappano come naufraghi, lontani eppure vicinissimi, entrambi spaventati e stupiti dalla realtà che devono affrontare. E, mentre il mondo sembra scivolare in un silenzio assoluto, i due riscopriranno il vero significato della vita e soprattutto della speranza.
Titolo: Il castello Rackrent
Autore: Maria Edgeworth
Pagine: 134
Prezzo: 15 euro
Editore: Fazi
Data di pubblicazione: 28 settembre 2017

Trama
Thady Quirk è il vecchio servitore di un’antica famiglia anglo-irlandese. Nel corso della sua lunga vita trascorsa al castello Rackrent (letteralmente il castello ‘arraffa-affitti’) ha assistito alla progressiva decadenza dei suoi aristocratici padroni: Sir Patrick, che riempie la casa di ospiti e si ubriaca fino alla morte; Sir Murtagh, il suo erede, un “grande avvocato” che rifiuta di pagare i debiti di Sir Patrick “per una questione d’onore”; e Sir Kit, giocatore d’azzardo che alla fine vende la proprietà al figlio di Thady. Generazione dopo generazione, il graduale declino della famiglia diventa la simbolica premonizione dei profondi cambiamenti che investiranno la società irlandese e dei problemi che, a oltre duecento anni di distanza, sono ancora ben lontani dall’essere risolti.
Apparso all’inizio del 1800, anno in cui si compiva l’esautorazione del Parlamento di Dublino e si preparava la strada all'unione tra l’Irlanda e la Gran Bretagna, Il Castello Rackrent ebbe un enorme successo. Politicamente audace, stilisticamente innovativo e incredibilmente piacevole, questo romanzo è una tappa fondamentale della letteratura irlandese e un grande classico da riscoprire.
Ecco i libri di questa settimana che mi hanno incuriosita. Voi ne avete altri? ^^

24 settembre 2017

Aggiornamento Netflix: luglio- settembre 2017

Buona domenica lettori e passanti!
oggi, dopo parecchi mesi di latitanza, voglio tornare a parlarvi di serie tv, un'altra mia addiction dopo i libri e il make up!
La prima serie di cui voglio parlarvi oggi è The 100 che ho divorato tra luglio e inizio settembre.

Dopo aver rivisto a distanza di anni la prima stagione, ho divorato la seconda su netflix e poi, vista la mia curiosità, non ho saputo aspettare l'uscita sulla piattaforma della stagione successiva e ho visto la terza in streaming e la quarta con i sottotitoli in italiano (credo che da noi arriverà a breve). Insomma, non riuscivo a fermarmi e, a parte i 10 giorni durante le vacanze, ho visto una puntata dopo l'altra senza interruzione. Posso dire che è stata la serie tv dell'estate 2017!
Ho previsto due post dedicati in cui vi parlerò in modo più specifico delle mie impressioni e spero di scriverli a breve perché il mio entusiasmo è ancora lì, ma so che nell'attesa della quinta stagione (prevista per il 2018) andrà scemando.
Ammetto senza remore che ho iniziato a seguire alcuni membri del cast su instagram e che cerco info sulla quinta stagione ogni settimana... vi ho detto tutto.

Altra serie tv che ho visto con interesse è Sense8.

Ho iniziato la visione consapevole che la serie è stata brutalmente interrotta alla seconda stagione e che, per giungere alla conclusione, sarà girato un film di 2 ore previsto per il 2018. Questo risultato è stato ottenuto grazie alle forti lamentele dei fan che pretendevano una degna fine per questa storia.
Il telefilm mi è piaciuto, seppur con alti e bassi. La storia di base è davvero intrigante, lo sviluppo è piuttosto cervellotico e non lineare e i personaggi sono variegati e analizzati bene. Non ho apprezzato l'estrema lentezza del tutto, infatti dopo la seconda puntata volevo mollare ma, visto che molti me l'avevano consigliata, ho stretto i denti e l'ho terminata. Altra cosa che non ho pienamente capito sono le scene di gioia, messe lì, di punto in bianco, dopo puntate piuttosto pesanti e drammatiche. Servono per spezzare la narrazione e tirare su il morale? Non saprei.
Anche in questo caso conto di scrivere un articolo dedicato alla serie anche se sto ancora rimettendo in ordine le idee.

Ultima serie tv di cui vi voglio parlare è Jane the virgin

Per riprendermi  dalle distruzioni di The 100 e dalla caccia all'uomo serrata di Sense8, ho cercato un comedy leggero; dopo un po' di ricerche la mia scelta è ricaduta su Jane the virgin. Ammetto che mi sono fermata alla settima puntata della prima stagione. Non mi ha proprio coinvolto pur essendo abbastanza spassoso. Forse le puntate sono troppo lunghe e ripetitive, forse Jane è troppo santarellina...
Non so se riprenderò a vederlo, fatto sta che la mia ricerca di un bel comedy è ricominciata.

Cosa penso di vedere prossimamente?
Ovviamente  sto per dedicarmi a Outlander che aspetto da ben un anno e mezzo, poi ho appena iniziato Graceland e iZombie e credo che a breve inizierò anche Stranger things visto che a metà ottobre sarà disponibile la seconda stagione. Credo che mi dedicherò anche alla visione di Strike, serie tv tratta dai romanzo della Rowling che tanto mi sono piaciuti.

Voi cosa state vedendo d'interessante? Cosa mi consigliate?

22 settembre 2017

5 cose che...5 libri che ho letto da piccola e mi hanno avvicinato alla lettura

Buongiorno lettori e passanti!
eccomi con una nuova puntata della rubrica ideata e gestita dal blog  Twins Books Lovers !
Il tema di oggi è davvero stupendo: 5 libri che ho letto da piccola e mi hanno avvicinato alla lettura.
Ho iniziato a leggere durante la scuola elementare ma oggi non vi mostrerò i primissimi libri che ho letto, ma proprio i romanzi che più mi hanno fatta avvicinare e amare la lettura.

Essendo figlia unica, la lettura è stata e sarà per sempre una compagna fidata che non mi farà mai sentire sola e che mi permetterà di immergermi in bellissime storie.


1- Harry Potter di J.K. Rowling: OVVIAMENTE. Lo metto per primo perché è una delle letture fondamentali della mia infanzia e adolescenza. Ho letto il quarto libro come primo a 11 anni, era appena uscito e ho voluto provare a leggere un librone di 500 pagine. Inutile dirvi che è stato amore e ho recuperato subito i tre libri precedenti che mi sono stati regalati per Natale.
2- Sulle tracce del tesoro scomparso di Bianca Pitzorno: è stato il primo libro "serio" che io abbia mai letto è ho un bellissimo ricordo legato ad esso: un'estate fatta di mare e primi interessi per l'archeologia. In generale apprezzavo molto l'autrice e infatti ho letto parecchi dei suoi libri per ragazzi come "Ascolta il mio cuore", "Re Mida ha le orecchie d'asino" ecc.

3- Piccole donne di Louisa May Alcott: primo classico che io abbia mai letto e che mi ha preso parecchio tempo. Avevo dieci anni, forse, e ci ho messo un mese intero a leggerlo ma non ho abbandonato: la malattia di una delle protagoniste mi mise una forte angoscia addosso e ricordo l'ansia provata vividamente.

4- Vacanze al cimitero di Domenica Luciani: ricordo ancora quante risate fu capace di farmi fare questo bel romanzo di avventura un po' horror per ragazzi! Davvero spassosissimo!

5- Strega come me di Giusi Quarenghi: adoravo questo libro! Non ricordo quante volte l'ho letto  insieme^^

Potrei anche citare la serie del Club delle baby sitter e la serie delle ragazzine o di piccoli brividi...ne ho davvero tanti conservati al sicuro in una scatola!

21 settembre 2017

RECENSIONE: Così dolce, così amaro di Barbara Delinsky

Buona lettura!

Titolo: Così dolce, così amaro
Autore: Barbara Delinsky
Pagine: 395
Prezzo: 10 euro
Editore: Newton compton

Trama
Charlotte e Nicole un tempo erano amiche per la pelle. Trascorrevano le loro estati in una splendida casa, su un’isoletta al largo del Maine. Ma molti anni e troppi segreti le hanno tenute separate. Charlotte è diventata una scrittrice di successo di libri di viaggio, è single e si sposta in continuazione, mentre la riflessiva e pacata Nicole vive a Philadelphia insieme al marito neurochirurgo ed è una foodblogger molto seguita. Quando le viene commissionato un libro sul cibo dei luoghi della sua infanzia, Nicole non ci pensa due volte e invita l’amica a tornare per un breve periodo sull’isola con lei. Estroversa e appassionata, Charlotte ha una capacità innata di stabilire contatti con la gente, e potrebbe essere di grande aiuto per intervistare le persone del posto. E così Charlotte accetta, sia per l’affetto che ancora le lega sia per l’incanto che quella terra magica esercita su di lei. Ma quello che nessuna delle due amiche sa è che il loro incontro potrebbe cambiare per sempre le loro vite…

“Così dolce, così amaro” è una tipica lettura estiva per quanto mi riguarda perché ha una serie di componenti leggere ma apparentemente interessanti che possono tenere buona compagnia sotto l’ombrellone, dove, si sa, la concentrazione non è al massimo.

Le protagoniste del libro sono Charlotte e Nicole due amiche d’infanzia che da alcuni anni si sono allontanate, apparentemente perché hanno due vite completamente diverse. Nicole è una perfetta casalinga, sposata con un importante chirurgo e che cura un food blog dove dà sfogo alla sua creatività e ai suoi interessi. Charlotte è una giornalista freelance abbastanza conosciuta che viaggia per il mondo con e ha tempo solo per flirt occasionali. Insomma, due vite agli antipodi.
Nicole decide di scrivere un libro dedicato al cibo dell’isola dove entrambe passavano le loro estati da adolescenti e chi meglio di Charlotte può aiutarla a realizzare questo progetto?
Durante questa estate verranno fuori molti segreti che metteranno a dura prova l’amicizia appena rinata tra le due protagoniste.

Come ho già detto nell’intro, questo è un libro leggero e facile da leggere, adattissimo per il periodo estivo se non si vuole cadere nella “trappola romance” perché è concentrato soprattutto sul tema dell’amicizia e della realizzazione personale, con un tocco romantico ogni tanto.
Le due protagoniste vengono appositamente poste agli antipodi come desideri e carriere per rendere evidente da una parte la spaccatura avvenuta misteriosamente alcuni anni prima, e dall’altra la rinnovata amicizia messa a rischio da una scottante rivelazione.
Ciò di cui posso “lamentarmi” è un fattore legato allo svolgimento e all’evoluzione della trama: tutto è scontato e sembra pilotato per permettere all’autore di arrivare esattamente dove vuole. Insomma, non ci sono grandi sorprese, non posso dire che sia una storia originale che rimane impressa…quello che posso dire che è una lettura carina, veloce e abbastanza piacevole, senza un’eccessiva dose di romanticismo o erotismo (caratteristica non così scontata in questi ultimi tempi).
Assegno tre stelline (scarse) a questo libro senza infamia né gloria.

Lya
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...