18 ottobre 2017

What's Next? 293

Buon mercoledì lettori e passanti!
eccomi qui con un nuovo post di aggiornamento delle mie letture!


- Cosa ho appena finito di leggere?
Ho terminato la velocissima lettura de "La principessa dalla lingua biforcuta" di Ransom Rigg, che è uno dei brevi racconti sui bambini speciali. Carino, senza e infamia né gloria.

-Cosa sto leggendo?
Sto leggendo "La rivincita di Gemma" di Libba Bray ed è lunghissimo! seicento pagine e nelle prime trecento succede poco e niente... accidenti che delusione è questa serie! Mi aspettavo moltissimo, visto che avevo apprezzato tanto "La stella nera di New York" ma trovo che la serie di "Gemma Doyle" sia troppo semplicistica. Insomma, non è male ma non vedo l'ora di portarlo a termine e passare ad altro.

-Qual è il prossimo libro che leggerò?
Anche se sto leggendo un fantasy young adult, credo proprio che mi butterò su 
Magic della Schwab che ho finalmente tra le mie manine. Sono davvero curiosissima!!




Voi cosa leggete di bello? ^^

16 ottobre 2017

Uscite della settimana: dal 16 al 22 ottobre 2017




Buonasera lettori e passanti!
eccomi con un veloce post con la solita selezione di libri che potrete trovare in libreria a partire da questa settimana.
Ecco quali sono le uscite per me più succose ^^

Titolo: La ladra di neve
Autore: Danielle Paige
Pagine: 321
Prezzo: 14,90 euro
Editore: De Agostini
Data di uscita: 17 ottobre 2017

Trama

Per sedici, lunghi anni Snow ha vissuto rinchiusa in un ospedale psichiatrico. Ma di una cosa è sempre stata certa: lei non è mai stata pazza. Ogni notte, incontra nei suoi sogni un uomo bellissimo e misterioso che la incita a fuggire e a scoprire la verità sul suo passato. Finalmente, grazie all'aiuto del suo unico amico Bale, Snow riesce a fuggire dall'ospedale e a rifugiarsi in un bosco poco lontano. Qui il confine tra sogno e realtà diventa presto labile, finché Snow si ritrova in un altro mondo. Un mondo dove ogni cosa è di ghiaccio. È Algid, il Regno di Neve. Tra terribili inganni, fughe rocambolesche e amori impossibili, Snow scopre un segreto antico: è lei l'erede al trono di Algid, figlia di un tiranno disposto a ucciderla pur di preservare il potere. Ma adesso che Snow ha ritrovato se stessa reclama ciò che è suo, e per averlo è pronta a combattere.


Titolo: Il libro della Polvere - La Belle Sauvage
Autore: Philip Pullman
Pagine: 480
Prezzo: 18,00 €
Editore: Salani
Serie: The book of dust #1
Data di pubblicazione: 19 Ottobre 2017

Trama
Malcolm Polstead ha undici anni, è curioso e diligente, di giorno va a scuola e di sera aiuta i genitori alla locanda sul fiume e fa qualche commissione per le suore del convento vicino. La sua vita scorre tranquilla, gli amici non gli mancano, si diverte con Asta, il suo daimon, soprattutto quando vanno in canoa, sulla Belle Sauvage. Fino al giorno in cui alla locanda arrivano tre misteriosi personaggi e finché alle suore non viene affidata una bambina di pochi mesi, che Malcolm dovrà proteggere da un grave pericolo e alla quale sente di essere profondamente legato. È Lyra. Insieme a lei affronterà una sfida mortale e un viaggio che lo cambierà per sempre… Philip Pullman, uno degli scrittori più letti e amati al mondo con La bussola d’oro, creatore di uno dei più visionari e potenti universi della letteratura, torna dopo ventidue anni al mondo di Lyra con una storia che ha definito ‘parallela’ alla trilogia Queste oscure materie: una gioia, quasi un ritorno dopo un lungo esilio, per i suoi tanti lettori, e una possibilità straordinaria, per chi non l’ha ancora fatto, di scoprire un mondo intero, popolato di daimon, energia ambarica e aletiometri. Un universo ricco di illuminanti e profonde metafore, un mondo simile al nostro, le cui differenze lo rendono non più fantastico ma più reale del reale, al cospetto del quale la nostra vita quotidiana sembra più vuota, più pallida, più povera di significato.


Titolo: Vittoria e Abdul
Autore: Shrabani Basu
Pagine: 312
Prezzo: 18,50 euro
Editore: Piemme
Data di pubblicazione: 17 ottobre 2017

Trama
Abdul Karim ha solo 24 anni quando da Agra, la città indiana del Taj Mahal, arriva alla corte della regina Vittoria a Londra. È un "dono" dell'India alla sua imperatrice e sovrana d'Inghilterra in occasione dei festeggiamenti del suo giubileo d'oro. È il 1887, Vittoria è anziana e triste dopo la morte del suo fedele servitore - e amante - John Brown. Abdul è bello e aitante e in breve tempo, da servitore al tavolo della regina, ne diventa attendente personale e Munshi, cioè insegnante di lingua urdu. Vittoria si affeziona a lui, apprezza i curry che Abdul le prepara, è curiosa del suo mondo. In un momento di rivolte indipendentiste delle colonie indiane, il giovane diventa anche consigliere e confidente per le faccende del suo Paese. Il suo prestigio aumenta, tanto che nei viaggi ufficiali in cui accompagna la regina, viene spesso scambiato per un principe. Tanta fortuna e influenza non possono che alimentare l'odio di quanti, a corte, guardano con sospetto e preoccupazione a quel legame. Un legame che la regina difenderà caparbiamente da tutto e tutti. Da questo libro il film di Stephen Frears con Judi Dench.

15 ottobre 2017

Serie tv time: The 100 (seasons 3 e 4)

Buona domenica lettori e passanti!
Dopo avervi parlato QUI delle mie impressioni sulle prime due stagioni di The 100, eccomi qui a parlarvi della terza e quarta stagione. Ovviamente il post contiene qualche spoiler per chi non ha visto le stagioni precedenti :)


Dopo aver sconfitto, in modo piuttosto cruento e tragico, gli abitanti della montagna, i sopravvissuti dell'Arca iniziano a costruirsi una vita e cercano di stringere alleanze con gli altri popoli che abitano la Terra, anche se in passato li hanno traditi. In tutta la prima parte della terza stagione, al centro di tutto ci sono le vicende politiche: Lexa, convinta dal Clarke che gli Skaikru devono diventare la tredicesima tribù dell'alleanza, inizia una battaglia con gli altri capi e li sostiene nonostante gli "arcadiani" siano divisi al loro interno. Nella seconda parte della serie appare un nuovo particolare personaggio: A.L.I.E, un'entità artificiale che, grazie a Jaha inizia a fare sempre più proseliti.
Ovviamente c'è una doppia battaglia: quella contro Pike e coloro che non vogliono allearsi agli altri terrestri e quella contro A.L.I.E.

La quarta serie è invece incentrata sull'imminente secondo Praimfaya: i reattori nucleari presenti sulla Terra e residuo del passato stanno collassando e, per sopravvivere, si deve trovare una soluzione perché il tempo ormai è contato. Tutta la serie, quindi, si concentra sulla ricerca di un luogo sicuro in cui passare 5 anni per poter evitare gli effetti della forti radiazioni e sulle battaglie tre le diverse tribù per la conquista del potere.

Cosa mi è piaciuto?
- come nell'altro post sono rimasta ancora più colpita dalle ambientazioni che diventano sempre più complesse e diversificate: niente più boschi ma città "cosmopolite" e isole ipertecnologiche. Insomma, l'ambiente si evolve insieme alla storia.
- Anche in questo caso, in ogni puntata, ci sono continui colpi di scena (meno nella terza serie) che tengono lo spettatore attaccato allo schermo: inutile dire che ho divorato le puntate e dovevo frenarmi per non vederle troppo velocemente. Tutto questo per scoprire cosa escogitavano i personaggi per risolvere le varie situazioni. Ammetto di aver compatito diverse volte i protagonisti che non hanno mai una attimo di tregua, sembra davvero capitare tutto a loro. Era matematico che se qualcuno aggiustava una cosa, qualcun'altro l'avrebbe immediatamente distrutta o avrebbe fatto qualcosa di azzardato che avrebbe rotto il delicato equilibrio creato.
- La quarta stagione è una bomba, forse la migliore dopo la prima: mi sono davvero appassionata pur
vedendola in inglese sottotitolato. Il finale è una cosa che mi ha lasciata a bocca aperta!
- Come già detto nell'altro post, i personaggi preferiti sono cambiati nel tempo. A parte Bellamy che sarà sempre nel mio cuore, mi è piaciuta moltissimo l'evoluzione tragica di Octavia e hanno iniziato a piacermi anche Kane e Roan. Clarke mi è piaciuta sempre meno perché il suo buonismo aumenta insieme alle disgrazie che le capitano (vedi Finn e Lexa), mentre avrei voluto un personaggio diverso dopo tutti i tormenti che affronta.

Cosa non mi ha convinta?
- La terza stagione è davvero troppo lenta e incentrata sulla politica e la diplomazia. Le scene con Clarke e Lexa che combattono a suon di parole nei consigli sono di una noia mortale e, i cambiamenti sono così minimi che bisogna davvero stare attenti e seguire tutto. Non so, la prima parte della terza serie non mi ha particolarmente entusiasmata.
- Perché prendere un ex insegnante e farlo diventare uno spietato dittatore? Ho odiato nel profondo il personaggio di Pike che, come Jaha che da leader diventa un santone, da un mite docente inizia a fare piazza pulita dei "nemici". Da una parte ci sono Clarke e altri che tentano di creare una fragile alleanza con i terrestri, dall'altra Pike e alcuni collaboratori che marciano contro uccidendo terrestri senza una valido motivo. Odio profondo per Pike, la sua parlantina e la sua politica da dittatore.
- Jasper è un altro tasto dolente: dopo gli avvenimenti di Mount Weather passa dalla depressione alla pazzia. Credo che abbiano marciato troppo su questo personaggio che diventa davvero insopportabile oltre che del tutto inutile.

Ecco cosa ne penso, in modo abbastanza generico, per evitare troppo spoiler, della terza e della quarta stagione della serie. Non vedo l'ora di poter vedere la quintaaaa!!

Voi cosa ne pensate? ^^

12 ottobre 2017

RECENSIONE- mini: La bambola di porcellana di Maxence Fermine

Buona lettura!

Titolo: La bambola di porcellana
Autore: Maxence Fermine 
Pagine: 215
Prezzo: 12 euro
Editore: Bompiani

Trama
Il giorno del suo undicesimo compleanno Malo cade nella Senna. Aspirato in una conduttura, quando riapre gli occhi si trova in un mondo in bianco e nero, illuminato dalla luce di una luna di diamanti. È entrato nel Regno delle Ombre, un luogo magico popolato di personaggi meravigliosi e fuori del comune: Arthur, un albero che non smette mai di starnutire; Mercator, un gatto di duecentotredici anni; Lili, la piccola mercante di sogni dagli occhi dorati che ruba le fantasie. Senza contare poi gli spettri inquietanti e un pericoloso alchimista che gli getta contro un terribile incantesimo. Per rompere il maleficio, Malo dovrà affrontare una sfida davvero ardua. E una notte...

Affascinata dalla cover, ho voluto leggere la seconda avventura nel mondo delle Ombre del piccolo Malo e di Lili, la piccola mercante di sogni.

Malo, dopo aver vissuto un’interessante esperienza nel mondo delle Ombre, quando in un lunapark di Edimbrugo vede due abitanti di questo misterioso luogo, decide di iniziare una nuova avventura. In questo secondo volume Malo incontra vecchi e nuovi amici e si rende conto che il regno è molto più oscuro e inquietante di quello che ricordava.

Come ho già detto, pur non avendomi colpita così tanto il primo libro, grazie alla bellissima cover e al titolo, ho deciso di prendere in mano questo libretto e di calarmi nuovamente nel mondo delle Ombre. Se nel primo volume Malo vive un sogno, la seconda volta tutto diventa più cupo e reale. Malo incontra il fabbricante di giocattoli e cade nella sua trappola: quest’uomo colleziona bambole di porcellana per mostrarle agli altri ma il protagonista non sa cosa c’è davvero dietro tutto questo.
Devo dire che, pur raccontando una particolare favola oscura molto onirica, il libro è “scarno” perché non succede molto e, pur essendo una lettura carina, non so a chi la consiglierei. Le immagini che accompagnano la narrazione sono davvero molto belle e arricchiscono notevolmente questo libriccino.
Assegno 3 stelline al libro.
Lya
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...