sabato 7 febbraio 2015

RECENSIONE: La mossa della regina di Elizabeth Fremantle

Buona lettura!
Titolo: La mossa della regina
Autrice: Elizabeth Fremantle
Pagine: 396
Prezzo: 19€
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 8 aprile 2014


Londra, 1543. Quando Caterina Parr rimane vedova per la seconda volta a trentun anni, è costretta a trasferirsi alla corte di Enrico VIII insieme alla fedele cameriera Dot e alla figliastra Meg. Attratta irresistibilmente dal fascino di Thomas Seymour, consigliere di corte del re, con cui inizia una relazione segreta e appassionata, Caterina non può però sottrarsi alle attenzioni del borioso e temibile sovrano che ha messo gli occhi su di lei e ha deciso di sposarla.
Caterina non ha scelta: sarà la sua sesta moglie.
Ha così inizio per lei una nuova vita nella quale, ben consapevole dell'atroce fine delle donne che l'hanno preceduta, dovrà imparare a navigare nel mare in tempesta di un mondo lacerato da intrighi, tradimenti e sospetti usando il suo istinto femminile e la sua intelligenza per potersi adattare al nuovo ruolo, diventando presto un punto di riferimento per il re all'interno di una corte infida. In un'affascinante alternanza di voci, quella della nobildonna Caterina e quella dell'umile governante Dot, splendidamente scritto, ricco di atmosfera e di dettagli storici, La mossa della regina è la storia coinvolgente di una donna formidabile alla corte sfarzosa ma falsa di Enrico VIII, in un'epoca storica di grande turbolenza politica e religiosa. Un romanzo elegante e romantico che segna il luminoso debutto come scrittrice di Elizabeth Fremantle.
 
Dopo aver passato parecchio tempo leggere young adult e fantasy, eccomi a decidere di leggere un romanzo storico al femminile. È da parecchio che non optavo per una lettura interente a Enrico VIII ma sto rivedendo le puntate del telefilm "Tudor" e quindi ecco che si spiega la scelta.

La protagonista del romanzo è Caterina Parr, ultima delle sei mogli di Enrico VIII. La donna con alle spalle due matrimoni imposti e senza figli, si ritrova di nuovo vedova con una figliastra a carico a corte. Qui Enrico VIII, nonostante sia vecchio e malato, è ancora al centro di tutto e, dopo la delusione data dalla giovanissima Caterina Howard, decide di prendere in moglie una donna più matura: Caterina Parr.
Ormai rassegnata a sottostare al volere degli uomini, nonostante il ribrezzo e il desiderio di vivere una vita libera, Caterina sposa Enrico e accompagna per tre anni gi ultimi momenti della sua reggenza tra problemi religiosi, figlie non ancora collocate e soprattutto intrighi di corte.

Parto dicendo che ho una particolare predilezione per la storia inglese della reggenza di Enrico fino all'epoca di sua figlia Elisabetta I . È una parte della storia che mi ha sempre affascinata e coinvolta e ho letto (e visto) di tutto e di più sull'argomento da saggi storici a romanzi: questo non poteva sfuggirmi, prima o poi sarebbe comunque finito tra le mie grinfie.
"La mossa della regina" è un romanzo che vede una donna adulta come protagonista, già vinta dai tanti problemi della vita femminile dell'epoca che si vede costretta per la terza volta a sposare un uomo che non ama, per di più anziano e così potente da decidere della vita e della morte delle sue precedenti mogli. Caterina, sin dalle prime battute della storia, è una donna disincantata che non si fa illusioni sul ruolo che ricopre, prima come vedova di un nobile, poi come regina di un paese: lei sa che deve sottostare al volere del re, compiacerlo e soprattutto cercare di dargli il figlio maschio tanto desiderato. Soprattutto per quest'ultima cosa lei soffre molto perché non ha dei figli dalle precedenti unioni e sa che le probabilità sono molto scarse.
Nonostante la storia sia piuttosto interessante, lo stile dell'autrice crea una certa distanza tra Caterina e il lettore che non viene mai "attivamente" coinvolto nelle vicende, anzi, rimane lontano dai veri sentimenti di questa donna forte e intelligente. Lei è al di sopra del lettore e non gli permette di calarsi nella sua vita anche perché è in prima persona costretta a mascherare molte delle sue opinioni.
Una parte fondamentale del romanzo è relativa alla fede di Caterina la quale ha studiato Erasmo, Lutero e, in segreto, Calvino e quindi ha delle opinioni forti in materia religiosa: cosa davvero pericolosa in un'epoca fatta di continue riforme e cambiamenti.
Punto assolutamente positivo è l'esattezza storica e cronologica presente nella narrazione, momenti romanzati a parte. Questa cosa non è per nulla scontata in questa tipologia di romanzo poiché ci sono sia quelli molto vicini a dei saggi, sia quelli così fantasiosi da stravolgere ciò che è realmente accaduto.
Fondamentalmente il romanzo mi è piaciuto ma avrei preferito riuscire a calarmi nelle ansie e nei dolori di questa donna così forte ma anche così cauta, avrei preferito uno stie più avvolgente oppure più storico e non questa strana via di mezzo.
Ho deciso di assegnare al romanzo tre stelline.


Lya


 

Nessun commento:

Posta un commento

Il nostro blog cresce con i vostri commenti!
Lasciate un segno del vostro passaggio ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...