sabato 24 ottobre 2015

RECENSIONE: Deathdate di Lance Rubin



Buon sabato lettori!
Titolo: Deathdate (#Denton Litte)
Autore: Lance Rubin
Prezzo: € 14.90
Pagine: 331
Editore: De Agostini
Data di pubblicazione: 22 settembre 2015
 
Trama
Denton Little ha diciassette anni e una sola certezza: morirà la notte del ballo di fine anno. Ma – escluso il pessimo tempismo – nulla di strano. Perché il mondo di Denton funziona così: tutti conoscono la data della propria morte, e tutti aspettano il fatidico momento contando i minuti. Per questo, fino a oggi, la vita di Denton è stata piuttosto normale: la scuola, gli amici e Taryn, la fidanzata. Ma ora mancano due giorni al ballo... e Denton sente di non avere più un secondo da sprecare. Non soltanto perché vuole collezionare più esperienze possibili in meno di quarantotto ore – la prima sbronza, la prima volta, e il primo tradimento – ma anche perché le cose sembrano essersi improvvisamente complicate. Chi è l’uomo sbucato fuori dal nulla che dice di avere un messaggio da parte di sua madre, morta ormai da molti anni? È soltanto un pazzo? E allora perché suo padre ha iniziato a comportarsi in modo tanto bizzarro? D’un tratto le ultime ore di Denton Little si trasformano in una corsa contro il tempo, una disperata ricerca della verità. E forse di una via d’uscita. 
Dalla straordinaria penna di Lance Rubin, il primo romanzo di una nuova serie distopica. Una lettura brillante, irriverente e provocatoria. Una storia che vi lascerà con il fiato sospeso e che metterà in dubbio tutte le vostre certezze.
 
Questo è, per me, uno dei tipici libri che inizialmente guardo con sospetto, poi leggendo la trama penso “Mmmhh potrebbe essere carino” e, dopo averlo letto dico “è stato il libro giusto per questo periodo!”. Ultimamente sto faticando non poco a decidere cosa leggere dopo perché sono in una sorta di limbo mentale e pochi libri riescono a coinvolgermi davvero. “Deathdate” è stato perfetto perché mixa una storia intrigante e un protagonista fuori dagli schemi a tanto humor nero.

Nel mondo di Denton, tutti sanno la propria data di morte sin dalla culla. Infatti, attraverso un’analisi del dna e a un particolare macchinario, ai genitori viene comunicata la data di morte dei figli che a loro volta la annunceranno al bambino qualche anno più tardi. Nessuno può sapere l’orario o come morirà, ma si conosce il giorno e infatti è usanza comune organizzare il funerale con il “futuro morto” ancora in vita. Denton sa da sempre che sarebbe morto giovane, all’età di 17 anni, e ormai quel giorno è arrivato…

Questo libro racconta una storia davvero particolare, pur essendo ambientata al giorno d’oggi, più o meno. In quello che io ho definito un “universo parallelo” tutti conoscono il giorno della propria morte e sono rassegnati a questo destino: vivono le loro vita tranquillamente finché si avvicina il fatidico giorno e cercano di sistemare tutte le loro cose, con calma e aiutati da familiari e amici. Il funerale in anticipo e l’autoelogio sembrano cose assolutamente normali così come lo è la Seduta: un’intera giornata in attesa della morte del malcapitato in compagnia delle persone più care(creepy!!). Denton inizia a raccontarci la sua storia a partire proprio dal giorno del suo funerale: sa che gli rimangono al massimo 48 ore di vita e pensa di essere ormai preparato a perdere la vita. Lui ha 17 anni, è un normale ragazzo che va a scuola superiore, ha un migliore amico, Paolo che morirà dopo un mese rispetto a lui, una fidanzata e una famiglia piuttosto variegata. A partire dal giorno del suo funerale, però, iniziano ad accadere delle cose davvero bizzarre e Denton si trova ad affrontare situazioni davvero inedite per lui.
Quello che mi è piaciuto di più di questo libro, oltre alla storia ai limiti della fantasia, è l’ironia del protagonista che cerca di prendere alla leggera la sua imminente dipartita snocciolando una serie di battute piuttosto divertenti. Lo stile utilizzato dall’autore è semplice e immediato perché il libro è scritto in prima persona. Di solito storco un po’ il naso per questa scelta, ma in questo caso l’ho trovata molto azzeccata perché trasforma il romanzo in una sorta di diario in cui il protagonista, vista la morte imminente, si lascia completamente andare. Unica piccola pecca che ho riscontrato è la ripetitività del concetto principe: il giorno di morte che è arrivato. Tutti i personaggi non fanno altro che ricordarlo in ogni momento; in un capitolo breve, 4 pagine, questo concetto è ripetuto ben 5 volte. Mi è parso un po’ eccessivo perché, a parte nelle prime pagine dove il lettore si deve orientare, la reiterazione del tema è forse troppo presente. A parte questo ho trovato il libro geniale e simpatico, adatto a un pubblico variegato e per questo ho deciso di assegnare tre stelline e mezzo. Non vedo l’ora di avere tra le mani il seguito!

Lya
 

6 commenti:

  1. Devo decidermi a leggere questo romanzo.La tua bella recensione mi ha confermato che Deathdate è un libro avvincente che, con un pizzico d'ironia, affronta un tema importante come la Morte :)

    RispondiElimina
  2. Sono molto curiosa di leggere anche io questo romanzo, ne ho sempre sentito parlare bene!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è davvero molto carina come lettura, nonostante la morte sia al centro della storia ^^

      Elimina
  3. Ciao!
    Io ho recentemente finito Deathdate e l’ho trovato parecchio gne. Una storia originale, ma inverosimile, perché è impossibile prevedere il destino di una persona analizzandole semplicemente il sangue, suvvia, condita da dei triangoli amorosi fastidiosissimi a mio parere. L’unica cosa che salvo è l’umorismo di Denton che dà senso all’intero libro, senza dubbio. Diciamo che come esordio non è folgorante, ma è abbastanza gradevole.
    Poi solo a me pare che nelle ultime 100 pagine il nostro Lance si sia messo a scrivere di fretta, di frettissima?
    Trovi il mio parere “esteso” qui se vuoi dargli un’occhiata :3.
    Rainy

    RispondiElimina

Il nostro blog cresce con i vostri commenti!
Lasciate un segno del vostro passaggio ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...