lunedì 17 giugno 2013

L'ordine delle blogger - Speciale Black Friars: Le ambientazioni

Buon inizo settimana a tutti!
Eccoci con il secondo appuntamento con lo speciale Black Friars!

oggi, come vi avevo anticipatamente avvisato in QUESTO post di presentazione, parleremo con Viriginia De Winter del mondo creato nei suoi libri. Nello speciale intitolato "L'ordine delle blogger", abbiamo diviso alcuni argomenti relativi ai tre (a breve 4) libri di Black Friars intervistando l'autrice e togliendoci alcuni dubbi.
Personalmente, insieme allo stile di scrittura, ciò che mi ha sempre affascinata dei libri di Virginia è proprio l'ambientazione così gotica e crepuscolare, adoro i libri così!

Quindi, nell'attesa della pubblicazione del quarto libro della serie, voglio dare il benvenuto a Virginia sul nostro piccolo spazio online iniziando subito dalle mie domande :)



1- Una delle caratteristiche che ho più apprezzato nei tre libri è certamente l'ambientazione cupa e gotica dove la dolce seduzione del male è una costante minaccia. Da cosa hai preso spunto per creare questo mondo così magico, moderno ma insieme così legato al medioevo grazie alla presenza di architetture e strutture sociali dell'epoca? Nella tua immaginazione hai un posto che prediligi tra i vicoli tortuosi della Vecchia Capitale?
L’ispirazione nasce sicuramente nella storia dello Studium di Bologna e dalle strade buie che ho immaginato circondassero i Collegi cittadini di cui tanta memoria storica si conserva ancora in quella città che io adoro. E le calli e i sottopassi di Venezia per la parte della Cittadella che si affaccia sul fiume, gli splendidi, decadenti e bellissimi palazzi di Palermo che domina questi libri sovrana incontrastata. I nobili edifici, decadenti, fatiscenti, i blasoni incrostati di tempo e muschio sono i suoi. Lo sono anche le catacombe di Nostra Signora della Notte che riecheggiano perfettamente le Catacombe dei Cappuccini palermitane, con la bara piccina di una bambina bionda che lì sembra dormire di un sonno eterno. Lo stesso Borgo di Salimarr nelle sue architetture, i profumi e la cucina, ricorda la Sicilia Araba e il suo sovrano ha il titolo di Viceré; Delamàr invece possiede un riflesso della Napoli Borbonica e, nell’Ordine della Chiave, è citato il suggestivo Cimitero delle Fontanelle con i suoi teschi da “adottare”. Altieres  invece si ispira al sud degli Stati Uniti. Sono una grande appassionata di Southern Gothic e ho voluto omaggiare il genere.

2- Uno dei punti focali della storia è fortemente connesso alla Cittadella e al Presidio ma le informazioni in merito possono essere solo desunte da frammenti presenti nei libri, quindi ancora molti elementi sono in ombra. Vorresti raccontarci meglio la magie del Presidio e la sua storia?
La storia del Presidio è quasi tutta contenuta nell’Ordine della Penna dove si spiega l’origine di questa confraternita studentesca e come abbia le sue radici dove la storia del Continente si fonde con il mito e la leggenda. Il Presidio aveva il nome completo di Presidium Libertatis, perché lì si erano asserragliate le orde demoniache – che in seguito sarebbero state conosciute semplicemente come Presidialia – nella loro battaglia contro il genere umano quando si giunse alla guerra che avrebbe significato la distruzione per l’una o per l’altra razza. Le creature del Presidio sono di indole malvagia, resistenti al dolore, alla morte, immuni da pietà e compassione, per questo nella storia del Continente hanno formato l’esercito più irresistibile, sanguinario e distruttivo per questo il popolo li definisce, semplicemente, “demoni”. In principio la loro forma può essere diversa: animale, umanoide, ibrida, nebbia o semplice spirito. Posso essere qualsiasi cosa, assumere forme per metà umane e per metà animali come appaiono nei bassorilievi sulla facciata della Cattedrale dei Frati Neri, possono controllare gli umani con vari livelli di possessione provocando un sonno comatoso, infermità fisica e mentale, fino ad arrivare a manovrarli come burattini. Nessuno può controllarli, tranne gli Evocatores come Eloise Weiss e Clarisse Granville, l’Ordine della Spada può bandirli dalle terre umane mentre l’Ordine della Croce è l’unico che possiede il potere di distruggerli…
  
3- Uno dei miei personaggi preferiti è sicuramente il giovane erede di Aldenor, Axel Vandemberg, puoi raccontarci qualcosa in più dello stato che un giorno diventerà suo?
Aldenor è lo stato più antico Stato Nazionale del Continente e una volta lo riuniva in tutta la sua interezza – da Aldenor stessa fino alle estreme Nazioni meridionali. È un regno dalle temperature gelide, montagne e mari ghiacciati, fiumi che scorrono sotto strati di ghiaccio e ponti di marmo candido. È ordinata, fatta di simmetrie. Avevo scritto un pezzo, nell’Ordine della Chiave, in cui avevo cercato di racchiudere il senso dei paesaggi urbani Aldenorenses e il significato che avevano nella cultura del suo popolo. Non ricordo se è caduto sotto la mannaia di Pamela in tutto o in parte però qui potrebbe servire allo scopo:
“L’immensa mole marmorea del Teatro, snelle colonne che alleggerivano i piani superiori e angeli dalle ali spiegate che dispiegavano pergamene di musica nel vento, formava un semicerchio che abbracciava la piazza prospiciente. Rispecchiava il gusto ingegneristico e lo spirito architettonico delle Nationes settentrionali, l’ampio respiro degli infiniti porticati a colonne che correvano lungo le piazze e gli edifici che disegnavano il profilo del cielo con linee pure e razionali.
Axel a volte si soffermava a riflettere su quell’amore per le simmetrie, il dominio sui volumi, la volontà di imbrigliare lo spazio in una bellezza razionale, di ricamare l’aria con merletti di marmo e inseguire, senza tregua, un ideale di perfezione. Una sensazione di orgoglio mista a inquietudine allora si impossessava di lui, spingendolo a chiedersi se davvero nel principio che lo aveva generato fremesse quel desiderio di controllo, la volontà di racchiudere il mondo in contorni leggiadri per lasciarlo sbocciare sotto le sue mani”.
Aldenor è sontuosa, fatta di marmi e dorature e imponenza; ogni cosa che la riguardi porta con sé il senso di una sovranità antica quanto il mondo, di eserciti valorosi, flotte intrepide e regnanti illuminati. Infatti, quando l’Impero raggiunse la sua massima estensione territoriale, i Vandemberg ne effettuarono la divisione costituendo in Stati Nazioni le sue province, nominando sovrani i vassalli che le governavano in loro nome. Per questo motivo solo Aldenor si può fregiare del titolo di Nazione Sovrana mentre le altre monarchie del Continente prendono il nome di Reggenze, tranne quella di Salimarr che per tradizione è governata da un Viceré.

4- Due temi costantemente presenti nei libri sono quelli della vita e della morte che si rispecchiano nei luoghi descritti: l'ospedale in bilico, il cimitero pieno di pericoli provenienti dal mondo del Presidio, le cripte, tutti luoghi che Eloise visita e vive a modo suo. Queste varie ambientazioni sono per tua volontà luoghi così intrisi di significati oppure è stata la storia e  il personaggio di Eloise che ti hanno trasportato in questi posti così oscuri? 
Eloise è un medico e che significato abbia questa scelta per la sua natura di Evocatore è chiaro sin dall’Ordine della Spada e anche il modo umile in cui svolge le sue mansioni come semplice scholara della Societas di Medicina. Per il resto non mi ero mai soffermata a guardare le cose dal punto di vista di questa domanda. Nei miei libri vita e morte sono indissolubilmente legate ed entrambe portano lati oscuri e luminosi, si mescolano in varie combinazioni, da dei a semidei, a immortali per natura o per Seconda Nascita da vampiri, casi speciali come Alexis, l’umano senza età nutrito con sangue di vampiro fino a che la sua crescita non si è arrestata. I cimiteri hanno un grande significato perché oltre a essere i luoghi della memoria sono anche lo scrigno dei segreti di chi, adesso, ospitano nel sonno – più o meno – eterno. All’interno di un cimitero convivono i secoli e il bene e il male e ciò che è umano e ciò che non lo è più. Eloise come Evocatore e quindi sensibile a tutti i luoghi di passaggio, ne sente sicuramente l’impatto più di molti altri.

Voglio ringraziare Virginia per la sua disponibilità e non vedo l'ora di poter leggere il suo prossimo libro!


 La serie è composta da:
Black Friars. L'ordine della Spada (QUI la recensione)
Black Friars. L'ordine dellaChiave (QUI la recensione)
Black Friars. L'ordine della penna (QUI la mia recensione)
Black Friars. L'ordine della Croce (pubblicazione prevista per luglio 2013)


Spero che questa intervista vi abbia incuriosito e interessato e voglio ricordarvi il prossimo appuntamento il 19 giugno sul blog Liber Arcanus!


Commentate il post per poter partecipare al giveaway di "Black Friars. L'Ordine della Croce" e avere la possibilità di ricevere a casa il libro!


22 commenti:

  1. bella intervista! è stato bello immergersi nuovamente nelel nebbie e i visoli della Vecchia capitali. Il grane amore di Virginia per il Southern Gothic si respira sopratutto nell'Ordine della Penna, mentre invece la'more per l'architettura italiana è una componente essenziale in ognuno dei volumi! Grazie per questo breve assaggio fremo dall'impazienza per l'uscita dell'Ordine della Croce

    RispondiElimina
  2. Trovo che questa intervista sia davvero riuscita bene e spiega l'aspetto di molti luoghi che amo profondamente. Ho apprezzato sopratutto la domanda e la risposta numero 4. L'attese per l'ultimo libro si fa sentire e io non vedo l'ora di potermi di nuovo immergere nelle atmosfere gotiche dell'ordine della croce :)

    RispondiElimina
  3. Bellissima intervista!!!Io vorrei fare un inchino e una statua a Virginia, perchè ha creato un mondo cosi fantastico, dei personaggi indimenticabili e unici, e una storia originale, intrigante e appassionante!!
    Mi sono innamorata di questa saga, e non vedevo/vedo l'ora di avere tra le mani "L'Ordine della Croce".
    A febbraio avevo finito "L'Ordine della Penna" e volevo assolutamente delle novità per il 4 libro, però non arrivavano, avevo anche pensato di mandare un messaggio all'autrice, ma non volevo passare per Stalker!! Una droga questi libri!

    RispondiElimina
  4. In attesa del prossimo libro leggere le parole dell'autrice e le sue descrizioni dei luoghi è una vera boccata d'aria. Soprattutto la descrizione di Aldenor, che conoscevamo "politicamente" ma non strutturalmente.
    Grazie per aver in questo modo alleviato l'attesa di tutti noi.

    RispondiElimina
  5. Splendida intervista! Come sempre le parole di Virginia suscitano un fascino che dalla prima riga ti assorbe nell'incanto, tenendoti incollato alla lettura fino all'ultima. Le ambientazioni, così finemente curate da sentirle reali, quasi prendessero forma attorno al lettore, mi avevano già entusiasmato fin dal principio. Complimenti per la scelta e per continuare a stupirci!
    Mary

    RispondiElimina
  6. Interessante, è bello leggere le parole con cui l'autrice racconta i suoi motivi ispiratori e spiega alcune cose rimaste in sospeso

    Sono ansiosa di leggere l'ultimo volume, spero che le domande ricevano tutte risposta

    Laura pennydue

    RispondiElimina
  7. Sono sempre più convinta ad iniziare questa serie, le risposte di Virginia sembrano volermi catapultare nel suo mondo! Come potrei non essere affascinata dai suoi libri?

    RispondiElimina
  8. Leggere delle ambientazioni del libri mi ha sicuramente rallegrato la giornata!
    Splendida intervista e la Lady Creatrice è sempre disponibile. E' davvero splendida.
    La parte dell'intervista che mi ha affascinata di più è sicuramente quella del Presidio. Mi ha sempre affascinata. Magari sono una creatura del Presidio anche io. (?)
    Complimenti per l'intervista e la splendida iniziativa :)

    RispondiElimina
  9. Leggendo queste cose mi chiedo sempre quante pagine sono cadute sotto la mannaia della censura... Ma farne una bella raccolta e pubblicarle anche solo on-line no?? Io le leggerei tutte senza lamentarmi di tecnicismi architettonici o ingegneristici, anzi!
    Comunque splendida intervista e intervistata ;)
    Manca sempre meno alla nuova uscita e io non riesco a trattenere l'entusiasmo!!

    RispondiElimina
  10. Bella intervista, anche l'inedito mi è piaciuto un sacco :)
    Non vedo l'ora che esca il prossimo *-*

    RispondiElimina
  11. Bella intervista, anche l'inedito mi è piaciuto un sacco :)
    Non vedo l'ora che esca il prossimo *-*

    RispondiElimina
  12. Bellissima intervista e sono sempre più curiosa di leggere questo libro! Adoro l'ambientazione gotica e spero di andare all'università a Bologna, per cui.. =P

    RispondiElimina
  13. Bellissima intervista. Posso solo dire una cosa: amo la mente di Virginia. Ha avuto una cura dei particolari minuziosa e praticamente perfetta. Tutto si intreccia alla perfezione e i luoghi e la storia ne sono un esempio *-* Continuerò a seguire le altre tappe ;)

    RispondiElimina
  14. Un'intervista davvero stupenda! Le risposte fornite dall'autrice mi hanno fatto apprezzare ancora di più (cosa che non credevo possibile considerando che adoro questa serie) il mondo di Black Friars. L'immaginazione, la genialità e lo stile di Virginia mi hanno affascinata fin dal primo libro e l'attesa del 4 Luglio mi sta, a dir poco,logorando i nervi... non vedo l'ora di leggere il quarto libro!

    Lucia**

    RispondiElimina
  15. Adoro questa bellissima serie e spero tanto che non sia il nostro ultimo appuntamento con il meraviglioso mondo creato da Virginia complimenti per il blog che ho conosciuto grazie a questa bella iniziativa ciao Tina







    RispondiElimina
  16. Mi è piaciuta moltissimo quest'intervista, ogni domanda per un motivo diverso. Le domande sono davvero interessanti e particolari, soprattutto quella che mi ha illuminata riguardo il punto di riferimento preso dall'autrice per ideare le Naziones.
    Alla prossima tappa :D

    RispondiElimina
  17. Riconfermo, essendo appena passata dalla vecchia intervista..IO AMO Virginia! Dire che è una delle mie favorite è riduttivo..Mai acquisto fu migliore con L'ordine della Chiave, che comprai per caso ed ispirazione...

    RispondiElimina
  18. Non conoscevo quest'opera fino a quando non ho deciso di partecipare all'iniziativa per saperne di più.
    Dopo quest'intervista, sto prendendo in considerazione il fatto di dover aggiungere questo romanzo alla mia wishlist ;)

    RispondiElimina
  19. Eh sí. In assoluto l'ambientazione e la caratterizzazione dei personaggi (oltre al fatto che puoi tranquillamente trovare personaggi talmente strani che ti chiedi come facciano gli autori a non inserirli, sono sempre tutti cosí seri) sono uno dei tanti pregi di questa saga. Al di lá della storia che é sicuramente un capolavoro!!!

    Alice

    RispondiElimina
  20. Bellissima intervista!!! Vorrei fare i complimenti Virginia, perchè ha creato un mondo incredibile, dei personaggi fantastici, e una storia davvero originale e appassionante! :)

    RispondiElimina

Il nostro blog cresce con i vostri commenti!
Lasciate un segno del vostro passaggio ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...