martedì 14 luglio 2015

RECENSIONE: Mistero a Villa del Lieto Tramonto di Minna Lindgren

Buona lettura

Mistero a Villa del Lieto Tramonto | Minna Lindgren
Titolo: Mistero a Villa del Lieto Tramonto
Autore: Minna Lindgren
Pagine: 284
Prezzo: 16,50 € cartaceo / 9,99 € ebook
Editore: Sonzogno
Data di pubblicazione: giugno 2015 
 
Trama
A Villa del Lieto Tramonto, ridente casa di riposo immersa nella foresta vicino a Helsinki, è l'ora del caffè e, come al solito, Irma e Siiri, due vivaci novantenni ospiti della residenza, amano trascorrere quel momento in perfetto relax. Dopo le partite a canasta, le lezioni di ginnastica dolce, il whiskino prescritto dal medico o le riunioni del gruppo per la memoria, un'oretta di svago ci vuole per scambiarsi ricordi di giovinezza o spettegolare sul funerale del giorno, che è pur sempre una festa e un avvenimento per curare il proprio look. Ma soprattutto, l'ora del caffè dà l'occasione per criticare il regolamento e l'incuria del personale specializzato, quello che figli e nipoti, per guarire i sensi di colpa, chiamano "servizi di eccellenza". Per fortuna dalla Villa si può anche uscire, andare in giro in tram per rifarsi l'occhio con le bellezze della capitale finlandese, e così a Siiri, Irma e alla loro terza compagna, Anna-Liisa, capita di osservare, con bonario sarcasmo, le stranezze del mondo moderno che le circonda. A turbare la routine delle tre amiche è però un fatto terribile: la morte, in circostanze misteriose, del giovane cuoco, sempre gentile e pieno di allegria, accompagnata da una serie di episodi inquietanti che rivelano il lato sinistro di quel rifugio, ora non più così accogliente. Provette Miss Marple, Siiri, Irma e Anna-Liisa si trasformano in intraprendenti investigatrici.



Per staccare dalle ultime letture che ho fatto nell’ultimo periodo ho deciso di tuffarmi in questo giallo finlandese con delle protagoniste piuttosto improbabili.

Siiri, Irma e Anna-Lise sono delle arzille vecchiette ultranovantenni residenti in una specie di ospizio chiamato “Villa del lieto tramonto” che, in modo del tutto inconsapevole, diventano il fulcro di ben due misteri da risolvere: la morte di un cuoco della loro mensa e gli stratagemmi utilizzati dai proprietari delle loro residenze.
Tra un giro in tram e un malore, le vecchiette riescono a far luce su questi segreti oscuri.

Parto dicendo che il libro mi è piaciuto a metà perché se da una parte le protagoniste sono fantastiche, dall’altra la storia si trascina con lentezza quasi esasperante.
Partiamo da queste insolite protagoniste: sono il fulcro di tutta la storia perché con i loro acciacchi, i ricordi di un passato ormai lontano ma con un’intraprendenza sempre viva di chi ormai non ha molto da perdere, riescono a far sorridere il lettore riuscendo al contempo a far capire molti problemi della vecchiaia. Queste ultranovantenni hanno problemi di memoria, di cuore, di ossa, ma riescono comunque a essere curiose e a voler dare un po’ di brio alle loro solitarie e monotone vite. Ci riescono dopo la morte di Tero, giovane cuoco della residenza, che, con il suo suicidio, apre la “stagione” dei misteri su cui fare luce. Ovviamente queste vecchine, che non vanno propriamente d’accordo con la modernità, vengono coinvolte in una situazione più grande di loro che non riescono a gestire ma comunque, dopo molte situazioni difficili, se ne tirano fuori piuttosto bene.
Insomma, avrete capito che questo è un giallo diverso dal solito, anche perché le protagoniste non “indagano” nel vero senso della parola ma sono trascinate, loro malgrado, in tutto ciò che accade nella villa del lieto tramonto. Dovranno pur fare qualcosa di diverso dal giocare a carte e guardare la tv!
Insieme a questi avvenimenti, in modo piuttosto ironico, le protagoniste fanno anche un po’ di luce sulla vita durante la vecchiaia regalando al lettore un punto di vista piuttosto particolare: ad esempio una è vedova e non ha altri parenti e quindi deve affrontare i problemi da sola mentre un’altra è piena di parenti che però aspettano solo la sua morte per togliersi un peso. La solitudine, la monotonia della quotidianità, gli acciacchi che le conducono dai dottori e all’assunzione di farmaci, insomma, la loro vita da pensionati è piuttosto complessa, ma loro non si fanno abbattere.
Nonostante queste protagoniste, ho avuto qualche difficoltà nel portare avanti la lettura perché l’ho trovato un romanzo lento nel suo sviluppo e un po’ troppo ricco di descrizioni. Infatti, ho riscontrato la presenza di molte descrizioni di Helsinki, fatte per lo più attraverso nomi di vie ed edifici che Siiri vede durante il suo quotidiano giro in tram, e le ho trovate un po’ pesantucce perché la capitale finlandese è una città che non conosco quasi per nulla e quindi ho trovato questo elenco di vie e di edifici troppo specifico e inutile. Avrei apprezzato maggiormente delle vere descrizioni di questi luoghi, delle temperature e della vita nel nord Europa.
 Nonostante questo è un romanzo che ho trovato carino e molto diverso dal solito e quindi ho deciso di assegnare 3 stelline.

Lya
 

2 commenti:

Il nostro blog cresce con i vostri commenti!
Lasciate un segno del vostro passaggio ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...