domenica 11 gennaio 2015

RECENSIONE: Il diavolo veste Prada di Lauren Weisberger

Buona lettura!

Titolo: Il diavolo veste prada
Autore: Lauren Weisberger
Pagine:413
Prezzo: 11 euro
Editore: Piemme

Trama

Vestiti di lusso, feste esclusive, cascate di flash e fiumi di champagne. Chi rifiuterebbe un lavoro nel mondo dorato delle riviste di moda? A ventitrè anni, con una laurea in lettere in tasca e in testa il sogno di diventare scrittrice, Andrea Sachs si presenta a un colloquio per un posto da assistente nella redazione di “Runaway”. Nessuno osa dire di no a Miranda Priestley, la regina indiscussa del fashion system globale e Andrea non fa eccezione. Accantonati felpe, blue-jeans e ambizioni letterarie, si ritrova a completa disposizione della mitica, esigentissima Direttrice.

Lo so, certe volte me le vado a cercare! “Il diavolo veste Prada” racconta una storia che già conosco perché ho visto 20 volte il film, nonostante questo ho comunque voluto provare a leggere questo romanzo. Era sul mio ebook reader da tipo tre anni e l’ho letto perché pensavo di andare a colpo sicuro. Mai dare le cose per scontato! Il libro non è brutto ma il film è davvero molto meglio! Non pensavo che avrei mai scritto una cosa del genere!

La protagonista della storia è Andrea, una giovane neolaureata che sogna di fare la giornalista impegnata ma che si ritrova a diventare una delle assistenti di Miranda Prisley: il capo redattore di Runway. Questo impiego momentaneo promette di essere il suo trampolino di lancio ma Andrea non ha fatto i conti con il suo capo e la sua rivista. Lavorare in uno dei più conosciuti giornali di moda sottoposta ai capricci di Miranda diventa per Andrea un qualcosa che l’assorbe completamente portandola nel “lato oscuro” degli stilisti e degli oggetti di lusso. Ma, dopo aver perso moltissime cose nella sua vita, tornerà sui suoi passi…

Questa è stata una delle mie ultime letture del 2014 e ci sono rimasta abbastanza male perché mi aspettavo un romanzo leggero ma carino, esattamente come il film. Sicuramente bisogna tener conto che il cast selezionato per il film è davvero eccezionale ma mi aspettavo qualcosa di meglio dal libro. Fondamentalmente la storia è la stessa ma la protagonista risulta molto più lagnosa, superficiale e poco delineata rispetto al film, pur avendo una sua evoluzione. Solo il finale si differenzia parzialmente dalla pellicola cinematografica e l’ho trovato molto più efficace. Praticamente è l’unica cosa che mi è piaciuta più del film, per il resto il romanzo è una lettura non eccezionale ma ha dei risvolti positivi. Andy è una protagonista che ha una metamorfosi molto evidente: da ragazza di provincia a cui non importa nulla delle grandi firme e della moda in genere, viene pian piano trascinata nel mondo del glamour fino a diventare una delle migliori assistenti della terribile Miranda con i suoi ordini assurdi e impossibili da realizzare. Nonostante questo, si rende conto che questo lavoro con tutti i vestiti e gli accessori le sta rubando l’anima e la vita e quindi decide di dare nuovamente una svolta.
L’ho trovato fondamentalmente un chick lit alla “I love shopping” senza però quel tocco d’ironia che caratterizza il romanzo della Kinsella e della sua protagonista prediletta.
Assegno quindi due stelline e mezzo continuando a preferire il film rispetto al libro (blasfemiaaaa! XD)

Lya

Nessun commento:

Posta un commento

Il nostro blog cresce con i vostri commenti!
Lasciate un segno del vostro passaggio ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...