domenica 4 gennaio 2015

RECENSIONE: Abbiamo sempre vissuto nel castello di Shirley Jackson

Buona lettura!

Titolo: Abbiamo sempre vissuto nel castello
Autore: Shirley Jackson
Pagine: 180
Prezzo: 18 euro
Editore: Adelphi

Trama
È con toni sommessi e deliziosamente sardonici che la diciottenne Mary Katherine ci racconta della grande casa avita dove vive reclusa, in uno stato di idilliaca felicità, con la bellissima sorella Constance e uno zio invalido. Non ci sarebbe nulla di strano nella loro passione per i minuti riti quotidiani, la buona cucina e il giardinaggio, se non fosse che tutti gli altri membri della famiglia Blackwood sono morti avvelenati sei anni prima, seduti a tavola, proprio lì in sala da pranzo. E quando in tanta armonia irrompe l'Estraneo (nella persona del cugino Charles), si snoda sotto i nostri occhi, con piccoli tocchi stregoneschi, una storia sottilmente perturbante che ha le ingannevoli caratteristiche formali di una commedia. Ma il malessere che ci invade via via, disorientandoci, ricorda molto da vicino i "brividi silenziosi e cumulativi" che - per usare le parole di un'ammiratrice, Dorothy Parker abbiamo provato leggendo "La lotteria". Perché anche in queste pagine Shirley Jackson si dimostra somma maestra del Male - un Male tanto più allarmante in quanto non circoscritto ai 'cattivi', ma come sotteso alla vita stessa, e riscattato solo da piccoli miracoli di follia.



"Abbiamo sempre vissuto nel castello" altrimenti intitolato "Così dolce, così innocente" è un libro dall'inaspettato risvolto thriller. Ho riesumato una vecchia edizione Adelphi in casa e, spinta da non so quale curiosità, ho deciso di leggerlo.

I protagonisti del romanzo sono tre: due sorelle tra i venti e i trent'anni e uno zio malato e abbastanza anziano. Questa piccola famiglia vive in un castello circondato da enormi giardini e isolata dal mondo esterno. Ciò perché qualche anno prima l'intera famiglia è stata sterminata lasciando loro come unici superstiti: l'efferato omicidio tiene lontani curiosi e paesani. Fino a che non giunge in visita l'arrivista cugino Charles, questa nuova presenza sconvolgerà l'equilibrio, già precario, delle due donne.

Ho trovato questo breve romanzo una piacevole lettura, scorrevole e intrigante perché in ogni capitolo viene svelato un nuovo segreto fino alla rivelazione finale. Nelle prime pagine al lettore viene presentata una piccola famiglia silenziosa e isolata ma, successivamente, s’inizia ad avvertire che qualcosa non va. Ci si accorge della tensione costante solo perché si comprende che c’è un mistero da svelare e l’autrice, attraverso delle bricioline di pane sparpagliate nella storia, spinge il lettore ad andare avanti per sapere cosa è successo negli anni precedenti. I sospetti aumentando fino ad arrivare alla sorpresa finale.
La voce narrante è piuttosto inquietante, o almeno mi ha comunicato questa sensazione, e intorno ai diversi personaggi aleggia un alone di segretezza: tutti nascondono qualcosa. Qualcosa di davvero importante.
I personaggi, pur non essendo approfonditi in queste poche pagine, ti costringono a guardare alla realtà attraverso il loro punto di vista malato, insomma, hanno un perché e le loro caratteristiche distintive che, unite a questa ambientazione quasi gotica, rendono davvero particolare l’intera storia.
Non vi aspettate un romanzo con forti colpi di scena o rivolgimenti improvvisi perché il tutto si rivela con molta calma attraverso indizi e sensazioni fugaci, nel silenzio di una grande casa vuota e isolata. Ho apprezzato questo libro grazie al crescendo di piccoli brividi che ti trasmette e alla maestria dell’autrice che molto sottilmente crea un racconto horror senza far uscire una goccia di sangue. Assegno 3 stelline e mezzo.

Lya

2 commenti:

  1. I libri di questo genere devono necessariamente essere scritti molto bene per risultare piacevoli; non ho mai letto niente di Shirley Jackson, probabilmente perché è un'autrice particolare e lontana dal tipo di letture che preferisco. Però mi hai incuriosito. Appena ne avrò l'occasione cercherò di conoscere meglio questa autrice...anche perché trovo che quando sono le donne a scrivere horror/ thriller i libri risultano sempre particolarmente interessanti...
    Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io non mi aspettavo moltissimo da questo romanzo e invece ne sono rimasta piacevolmente sorpresa!

      Elimina

Il nostro blog cresce con i vostri commenti!
Lasciate un segno del vostro passaggio ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...