mercoledì 18 novembre 2015

RECENSIONE mini: La predestinata di Simon Toyne

Buona lettura! ^^


Titolo: La predestinata
Autore: Simon Toyne
Pagine: 467
Prezzo: € 18.90
Editore: Sperling Kupfer
Genere: thriller storico
Data di pubblicazione: marzo 2013

Trama
 Liv sa di essere entrata nella monumentale Cittadella nel cuore di Ruin, ma non riesce a ricordare altro. Buio totale. Qualcosa di strano le si agita dentro, sussurrandole che lei è predestinata a essere "la chiave". Ma di che cosa? Per colui che chiamano lo Spirito, un mercenario che opera nel deserto siriano, Liv potrebbe essere la chiave per svelare uno dei più importanti segreti dell'umanità. Per la confraternita di monaci arroccati nella Cittadella - ora afflitta da una terribile epidemia - il suo ritorno è l'unica possibilità di sopravvivenza. E per una potente fazione a Roma lei rappresenta una grave minaccia per il futuro stesso della Chiesa cattolica. Braccata di continente in continente e involontariamente coinvolta in eventi che sfidano ogni logica, Liv si rivolge all'unica persona di cui ancora si fida: Gabriel Mann. Lui l'ha introdotta ai misteri di Ruin, là dove tutto è cominciato. Insieme, iniziano una nuova, pericolosissima avventura, e una ancor più pericolosa ricerca. Che li condurrà a una scoperta sconcertante, ma anche a una drammatica separazione... 



Dopo “Sanctus” eccomi a parlarvi, in questo caso abbastanza velocemente, de “La predestinata”, secondo libro della trilogia di Simon Toyne.

Dopo aver scoperto la natura del Sacramento i diversi protagonisti appartenenti a diverse fazioni, iniziano una corsa contro il tempo per riportare tutto alla normalità, con piano radicalmente diversi: la cittadella di Ruin colpita nel profondo da una parte, la Chiesa di Roma dall’altra e Gabriel e Liv nel mezzo, che cercano un via d’uscita differente.

Sinceramente, a differenza del primo che mi era piaciuto abbastanza, questo secondo libro è stato piuttosto deludente: il ritmo non era incalzante, il cambiamento di punti di vista rendeva tutto confusionario e molti avvenimenti erano prolungati inutilmente. Insomma, in questo secondo volume non succede quasi nulla di rilevante e interessante come succede spesso nei libri mezzani di una serie.
Ci sono tre “grandi” punti di vista più alcuni secondari che vanno a mischiare le carte più che portare avanti la storia e infatti tutto il racconto si svolge a cavallo di una manciata di giorni. Francamente non ho molto da dire in merito perché ho trovato il libro superfluo e adesso credo che leggerò a breve il terzo e ultimo volume per capire un po’ dove l’autore andrà a parare. Davvero un gran peccato perché “Sanctus” mi aveva appassionata parecchio!
Assegno due stelline e mezzo in attesa della ribalta del terzo libro.

Lya
 

Nessun commento:

Posta un commento

Il nostro blog cresce con i vostri commenti!
Lasciate un segno del vostro passaggio ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...