02 novembre 2011

Giveaway speciale Halloween. La seconda storia vincitrice!

buon pomeriggio!!
ecco a voi la seconda storia vincitrice!!


«Che dire? Questo weekend è proprio da paura!»disse Lisa a Jack entusiasticamente.
Lei adorava la Scozia e il suo ragazzo le aveva voluto fare una sorpresa romantica: un fine settimana in giro per questo paese cosí misterioso. In effetti un weekend particolare, quello di Halloween.
Per tutta la giornata avevano corso da un castello all’altro perché Lisa voleva vedere tutto quanto senza perdersi niente. Chissá quando sarebbe riuscita a ritornare in Scozia!
Avevano deciso di lasciare il meglio alla fine della giornata, al crepuscolo, cosí da creare la giusta atmosfera per camminare in corridoi che si dicevano fossero infestati dai fantasmi, dove erano passati personaggi leggendari circondati da un’aura di mistero…e sangue.
«Dai muoviamoci, non vedo l’ora di sentire tutte le storie che ci racconterà la guida sul Drum Castle»disse Lisa.
«Ma se le conosci tutte a memoria? Le sai giá!»disse lui.
«Non ti piacerebbe sentire le storie da brivido raccontate da una persona del posto con quel bellissimo accento?» disse guardandolo maliziosa.

Si avviarono verso l’entrata del castello ma tutto sembrava chiuso e immobile; leggendo il cartello si resero conto che l’ultimo tour era stato 2 ore prima.
Lisa determinata iniziò quindi a girare intorno al castello per vedere se c’era una seconda entrata.
«Lisa cosa stai facendo? Ci torniamo domani e facciamo le cose con calma»disse Jack indispettito dalla testardaggine della ragazza.
«Ma domani lo potremmo visitare solo di mattina e invece io voglio vederlo al buio!voglio una serata a tema e questo è il posto perfetto per passare Halloween!»disse lei determinata.

Dopo parecchio, infrangendo le speranze di una tranquilla serata in cittá, per quanto la notte di Halloween potesse essere tranquilla, Lisa riuscì a trovare un’entrata e in silenzio entrarono nel castello buio.
Il posto era supendo, un autentico mastio medievale, cosí pieno di storia.

«Dai Lisa muoviamoci, se ci beccano qui dentro ci arrestano come minimo!» disse Jack
«Fifone!dai un giro veloce in libreria e poi possiamo andare…anche se avrei preferito fare con piú calma»disse ridendo lei «Eccola…»
Una libreria enorme colma di volumi di tutti i generi si presentò davanti ai loro occhi. Osservano in silenzio quella meraviglia e si accorsero di un rumore proveniente dal corridoio. Un rumore di passi lenti che sembravano quasi trascinati.
Spaventati da questo improvviso suono dopo piú di un’ora di silenzio assoluto, entrambi si precipitarono a nascondersi dietro uno scaffale aspettando che la guardia li vedesse e arrestasse.Doveva essere la guardia….chi altro altrimenti?
 Ma il rumore di passi si fermò fuori dalla porta e nel silenzio si sentí il gocciolio di qualcosa che cadeva a terra…..
Terrorizzati si guardarono negli occhi finché entrambi non sentirono il collo bagnato da qualcosa di vischioso dall’odore rugginoso. A quel punto la porta della biblioteca si spalancò di colpo …….

FINALE SCRITTO DAFEDERICA DEQUINO
I due ragazzi trattennero il respiro, aspettando con il cuore in gola il momento in cui sarebbero stati scoperti. Ma non accadde nulla. Lisa fremeva di impazienza, le emozioni che stavano vivendo superavano di gran lunga le sue più tetre previsioni, ma ora ne aveva abbastanza, il gioco era bello se durava poco. Spingendo Jack per un gomito gli disse in un sussurro:

<< Dai, sii uomo, fatti vedere dalla guardia e facciamola finita >>.

La risposta fu tutt’altro che romantica, anche se pronunciata con un mezzo sorriso:

<< Col cavolo, siamo in questa situazione per colpa tua, sii donna e fatti aventi tu >>.

Non ebbero modo di discutere a lungo, dato che da dietro gli scaffali provenne una voce acuta:

<< Vi ho sentiti! Cosa fate giocate a nascondino? Venite fuori che voglio giocare con voi! >>.

Brividi gelidi percorsero le schiene dei due ragazzi:

<< Non mi avevi detto che il castello era abitato! Questa è violazione di domicilio! Ci prenderanno per dei ladri!>>

proruppe Jack, il sorriso era definitivamente scomparso dalle sue labbra.

<< Non è abitato, ne sono certa! O almeno…>> tentò di difendersi Lisa

<< E allora perché c’è una bambina qui???>> fu l’immediata replica.

Lisa stava ancora cercando una risposta quando la vocina acuta si ripropose << Dai uscite, altrimenti mi arrabbio>>.

Non c’erano altre opzioni, l’unica soluzione era cercare di non spaventare troppo la bambina e chiederle di svegliare i genitori per potersi scusare ed andarsene, ma quando finalmente i ragazzi uscirono dal dietro lo scaffale lo spettacolo che si presentò ai loro occhi fu raccapricciante. L’essere che li aveva tirati fuori dal loro nascondiglio era piccolo, scheletrico, pochi ciuffi di capelli neri spuntavano da un cranio minuscolo altrimenti pelato, indossava un vestito bianco puntellato di spaventose macchie color porpora e fissava su di loro occhi gialli e malati.

<<Ok, allora facciamo che sono per prima io a contare, ma nascondetevi meglio la prossima volta, perché i giocattoli che non mi divertono mi piace ucciderli….>> disse la bimba ghignando.

Federica dequino è l'autrice di questo finale e si aggiudica la seconda copia di Cacciatrici!!!Comunicaci i tuoi dati via mail 

a tra pochissimo con la terza storia!!

1 commento:

  1. WOW che bello grazie!!!!
    Troppo contenta, non sono mai stata molto brava a scrivere quindi non ci credevo!
    A che mail devo mandare i miei dati?
    Evvai si festeggia!!!

    RispondiElimina

Il nostro blog cresce con i vostri commenti!
Lasciate un segno del vostro passaggio ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...