29 aprile 2011

SPECIALE: Donne da Incubo 04. FATA MORGANA

Buongiorno a tutti
Spero vivamente che stiate apprezzando questa vera e propria carrellata di ritratti di donne per lo piú lontane nel tempo che abbiamo scelto per voi!

 Per oggi, nella categoria delle donne leggendarie, abbiamo scelto di proporvi  ciò che ci dice Stefania Bonura della Fata Morgana.
Conosciuta da tutti come donna malefica che complotta contro suo fratello Artú che al contrario è puro e onesto, ha però un risvolto molto particolare, e tutti coloro che hanno letto Le Nebbie di Avalon, sanno di cosa sto parlando.

NUM 83. LE NEBBIE DI AVALON. LA FATA MORGANA.

Il ciclo arturiano  nasce nelle corti de Eleonora d’Aquitania, dove si celebravano i cavalieri e l’amor cortese.
Chi non conosce re Artù e i cavalieri della tavola rotonda? Ebbene in questi poemi cavallereschi si attingeva molto alla mitologia celtica e alcune fate e dee vennero inserite nei racconti.
Una di queste è la fata Morgana.
È molto interessante vedere l’evoluzione di questa divinità che finisce per trasformarsi pian piano in una strega malefica, causa della morte del nobile Artù.

Tutto ebbe inizio nell’isola di Avalon, immersa nelle acque di un lago sacro, ammantata di nebbie, “le porte fluttuanti”per accedere dal mondo terreno a quello magico. Al di là delle nebbie c’è un regno fantastico dominato da una fata, la fata del lago. Il suo nome è Viviana  e grazie a lei verrà forgiata la famosa Excalibur, la spada della roccia che fará di Artù un sovrano. Tra Viviana e Artù si interpone , quasi come un medium tra un mondo e l’altro, mago Merlino. È lui che educa Artù, strappandolo dalle braccia della madre, lady Igraine, che lo concepì con Uther Pendragon, re di Britannia, grazie a un sortilegio di Merlino, il quale attribuì al re le sembianze di Gorlois di Cornovaglia, marito legittimo della dama. Una volta partorito dalla donna, il druido se lo portò via con sé per presentarlo al mondo più tardi, quando sarebbe arrivato il momento opportuno.
 Ma Igraine aveva già un’altra figlia: si chiamava Morgana.
Questo personaggio mortale, seppure dotato di conoscenze magiche, è molto lontano dalla dea  madre della mitologia. In effetti “Morgen” appare per la prima volta in Vita Merlini, di Gofferdo di Monmouyh, uno scrittore gallese del XII secolo. Il personaggio attinge da divinità celtiche come  Morrighan, Macha e Modron. Il poeta reinterpretò tutte queste leggende nordiche in chiave cristiana trasformando i suoi protagonisti secondo l’ideale cavalleresco del tempo. Tuttavia, in quest’opera, la terza della sua trilogia dedicata a Merlino, Morgana è ancora una fata, una delle 9 divinità  che regnano su  Avalon. Piú tardi, come abbiamo visto, sará la sorellastra di Artú .
Nell’opera di Chretien de Troyes, piú tardi Morgana viene descritta come una sorta di guaritrice, le sue conoscenze magiche vengono utilizzate a fin di bene, per curare cioè Merlino nell’isola sacra di Avalon. I successivi racconti che si incastrano gli uni negli altri, allungando ulteriormente la saga, la collocano giá in una dimensione di malvagità..
È probabile che man mano che il personaggio si stacca dalla leggenda originale viene sempre piú assorbito nella cultura cristiana che, come si sa, le streghe le bruciava. Infatti Morgana viene spesso confusa con Viviana, la dama del lago, per il semplice fatto che si pone in conflitto con Merlino, o meglio perfidamente lo incastra seducendolo e ammaliandolo per carpigli tutti i suoi segreti. Il mago è innamoratissimo di questa fata e si lascia vincere da una passione che piú tardi lo rovinerà.
Mentre Artú cresce e diventa re grazie al sostegno di Merlino, Morgana viene educata ad Avalon proprio dalla fata cattiva.

Un bellissimo ritratto di Morgana viene fatto da Marion Zimmer Bradley, in Le Nebbie di Avalon.
È l’opposto di Ginevra, la virtuosa e nobile mogle di Artú. Se ella è bionda , Morgana è bruna. Se la prima è schizzinosa, l’altra affonda le mani nel sangue. Se la regina cristiana riesce ad amare solo platonicamente Lancillotto, la fata finisce per concepire in un rito orgiastico, in cui ha un rapporto incestuoso col fratellastro Artú, una sorta di anticristo o antiartú , il figlio Mordred.
È evidente che le scrittrice voglia distaccarsi dalla tradizione cavalleresca e ritornare in qualche modo alle origini, quando la magia non veniva perseguitata, quando soltanto le nebbie appunto separavano i due mondi. Il fatto è che il ciclo arturiano  a un certo punto trasforma Morgana, in origine dea madre, in una strega cattiva. Attira con l’inganno a sé il fratellastro, prende addirittura le sembianze di Ginevra per poterlo sedurre, altrimenti il nobile sovrano non si sarebbe mai dato ad un rapporto prima di tutto adulterino, e anche “contro natura”. Infine genera il mostro, Mordered. Questo personaggio racchiude in se la frustrazione della madre rinnegata da Artú , in quanto simbolo del demonio, e quella del figlio illegittimo, anch’egli rinnegato dal padre. La sua cattiveria si scatena.
Morgane e il figlio diventano gli implacabili nemici di re Artú e dei suoi cavalieri. La prima inventa diavolerie per mettere Lancillotto e Artú uno contro l’altro, insinuando, come le vecchie megere che mettono zizzania , la relazione tra il prode cavaliere e la bella regina. Il secondo che induce Ginevra all’adulterio seguendo i disegni della madre, finisce invece per battersi con Artú e ferirlo mortalmente. E mentre il sovrano viene seppellito ad Avalon, Mordered prende il suo posto, come un vero usurpatore.

“Ai miei tempi sono stata chiamata in molti modi: sorella, amante, sacerdotessa, maga, regina “dice Morgana nel romanzo della Zimmer Bradley “ora in verità, sono una maga e forse verrá un giorno in cui queste cose dovranno essere conosciute”.

a oggi pomeriggio con i consigli di lettura!
Lya

3 commenti:

  1. ciao! c'è un premio per voi sul mio blog!
    un bacio!

    RispondiElimina
  2. Interessantissimi questi post! Poi l'incipit de "Le nebbie di Avalon" mi mette sempre i brividi^^

    RispondiElimina
  3. ma... veramente non so che dire: rileggerti "le nebbie di avalon"? Magari anche tutto il ciclo di Avalon.

    RispondiElimina

Il nostro blog cresce con i vostri commenti!
Lasciate un segno del vostro passaggio ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...