giovedì 17 settembre 2015

RECENSIONE: L'oceano in fondo al sentiero di Neil Gaiman



Buon pomeriggio e buona lettura!
Titolo: L'oceano in fondo al sentiero
Autore: Neil Gaiman
Pagine: 192
Prezzo: 17.50 euro
Editore: Mondadori
 
Trama

Il romanzo comincia quando il narratore lascia il cimitero dopo la fine di una cerimonia funebre e si mette alla guida della sua auto senza una destinazione apparente: in realtà va a visitare i luoghi della sua infanzia che non vede da tantissimo tempo. Alla fine si ritrova sul sentiero che porta a una vecchia fattoria e a uno stagno. C'è una anziana donna sulla porta, che lo conosce e gli offre una tazza di tè. Mentre aspetta che l'acqua bolla, il narratore viene trascinato di quarant'anni indietro dai suoi ricordi, quando un inquilino della casa di famiglia aveva rubato la loro auto, dentro alla quale si era suicidato, evocando antiche forze che andavano lasciate in pace. Da quei ricordi si scatenano oscure creature che vengono da chissà dove e il narratore deve ricorrere a tutte le sue risorse per sopravvivere. L'orrore più terribile e minaccioso crea devastazioni indicibili. E il narratore, che ai tempi era solo un ragazzino, dispone come propria unica difesa di tre donne di una fattoria in fondo al sentiero... La più giovane di loro afferma che lo stagno è un oceano. La più anziana si ricorda del Big Bang.



Parlando in modo completamente franco, devo dire che mi aspettavo molto di più da questo libro. Non ho mai letto nulla di Gaiman ma ho visto e amato Coraline e ho trovato carino anche Stardust. Non volendo leggere i libri dopo aver già visto i film mi sono buttata su questo romanzo “l’oceano in fondo al sentiero” di cui solo il titolo m’ispirava moltissimo ma è un ni.

Il protagonista della storia è un bambino timido e piuttosto isolato che vive con la sua famiglia in quella che sembra una periferia, quasi rurale, americana. A causa di un incidente che avviene con il coinquilino che vive in affitto in casa sua, …. conosce Lettie e la sua strana famiglia tutta al femminile e un po’ magica. Con Lettie … capisce che al mondo ci sono creature davvero molto strane e malvagie che potrebbero addirittura entrarti in casa e cercare di rovinare la tranquillità della vita in campagna.

Sinceramente devo dire di essere rimasta un tanino delusa da questa lettura. Leggendo un po’ di recensioni in giro tutti scrivono che Gaiman è un genio dell’inventiva fantasy ma in realtà, almeno per questo unico libro che ho letto, non ci ho trovato nulla di particolarmente eclatante. L’ho trovato un romanzo carino, scorrevole e di piacevole lettura ma nulla di più.
“L’oceano in fondo al sentiero” racconta la storia di questo bambino che per pura casualità s’immischia con creature magiche di cui ignorava completamente l’esistenza e rimane incastrato in una storia molto più grande di lui. Queste creature mettono a repentaglio la famiglia del protagonista e la sua vita stessa e solo grazie a Lettie, una ragazzina che in apparenza sembra avere undici anni ma che nasconde molto dentro di se, e a sua madre e sua nonna, …. tenta di sconfiggere questo mostro per riportare la calma in casa sua.
Sia il protagonista che il cattivo di turno mi hanno immediatamente riportato alla mente Corialine e il mostro dei bottoni: la storia si avvicina molto così come i comportamenti e le decisioni dei personaggi. Ci sono alcuni particolari che ho particolarmente apprezzato, come ad esempio l’ambientazione a metà tra il favolistico e la realtà, ma mi aspettavo qualcosa di diverso, qualcosa di più originale e avvincente e per questo motivo sono rimasta parecchio delusa dalla lettura. Già da tempo avevo intenzione di leggere Coraline ma credo proprio che non lo farò limitandomi ad apprezzare il film d’animazione.
Assegno tre stelline a questo romanzo un po’ “meh” e lo posso consigliare o ai ragazzi tra gli 11 e i 14 anni oppure agli amanti del genere.


Lya


4 commenti:

  1. Non ho mai letto nulla di Gaiman ma ho aspettative molto alte. Questo libro in particolare è nella mia reading list da un bel po'. Spero non mi deluda come in parte ha deluso te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Spero proprio di no! Anche io come te avevo parecchie aspettative per questo autore così osannato, ma ci sono rimasta un po' così...proverò con qualche altro suo romanzo!^^

      Elimina
  2. Nemmeno io ho mai letto niente di Gaiman ma questo e "American God" mi ispirano parecchio :) La trama è molto intrigante. Speriamo di non rimanerne delusa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. American God è anche nella mia wish list... prima o poi proverò a leggerlo ^^

      Elimina

Il nostro blog cresce con i vostri commenti!
Lasciate un segno del vostro passaggio ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...