27 gennaio 2014

Interesting book 135



Buon lunedì pomeriggio lettori!
eccomi con una nuova puntata della rubrica Interesting book!
Il primo libro che vi vado a presentare racconta la storia di crimini e di amore nell'Ameria della prima metà del novecento; dal libro tra pochissimo tempo sarà in tutti i cinema la trasposizione su pellicola: sono davvero curiosa di poterlo leggere e poi di vedere questo film! La storia è intricata ma ha dei risvolti davvero imprevedibili che mi attirano moltissimo!
Il secondo libro che vi vado a presentare è "Dopo" un thriller psicologico che racconta la storia di Sarah, una donna rapita e rinchiusa per 10 anni in uno scantinato. Per lei non sembra esserci nessuno "dopo"...questo romanzo mi ricorda "Scomparsa" Di Chevy Stevens, libro che ho apprezzato pur essendo molto inquietante e incisivo e anche con "Dopo" la storia, almeno quella iniziale, sembra avere delle similitudini.


Storia d'inverno
Titolo: Storia d'inverno
Autore: Mark Helprin
Pagine: 848
Prezzo:18 euro
Editore: Neri pozza
Data di pubblicazione: 16 gennaio 2014
 
Trama Peter Lake è un ladro. Un ladro nella Manhattan dei primi del Novecento in cui la guerra tra bande regala ogni mattina un mucchio di cadaveri a Five Points sul fronte del porto e in luoghi insoliti come campanili, collegi femminili e magazzini di spezie.
Peter lavora in proprio, e perciò non interessa più di tanto alle forze dell’ordine sguinzagliate contro il grande crimine.

Sta particolarmente a cuore, invece, ai Coda Corta, una dozzina di sgherri guidati dal feroce Pearly Soames. Pearly ha occhi lucidi e argentei simili a lame di rasoio e una cicatrice che gli solca il viso dall’angolo della bocca all’orecchio. 
È un criminale e, come tutti i criminali, vuole oro e argento, ma non per amore della ricchezza alla maniera di volgari rubagalline. 
Li vuole perché brillano e sono puri. Affascinato dai colori, legge i giornali e i cataloghi delle aste, e capeggia i Coda Corta giusto per trafugare opere d’arte «degne di lui», importate dall’Europa a bordo di lussuosi panfili.
Il campo di manovra è troppo ristretto e la posta in gioco troppo alta perché Pearly Soames possa tollerare la presenza di Peter Lake a Manhattan.
Avvezzi come sono all’omicidio e alla corruzione, i suoi Coda Corta l’avrebbero eliminato da un pezzo, se il ladro non avesse un prezioso alleato: un cavallo che sembra una statua eroica, un enorme monumento bronzeo, capace di balzi strabilianti, voli di sei metri di lunghezza e due e mezzo di altezza. Si chiama Athansor e in un giorno d’inverno conduce Peter Lake incontro al suo destino: a West Side, nella lussuosa dimora dei Penn.
Peter si intrufola nella casa con l’intenzione di uscirne con l’argenteria, il contante e magari mezza dozzina di Rembrandt arrotolati. Ne esce col cuore trafitto da una ragazza intenta a suonare al pianoforte una struggente melodia; una giovane donna bella, radiosa, con i capelli scarmigliati raccolti in una treccia e il viso segnato da una spossatezza simile quasi all’ebbrezza o all’abbandono: Beverly Penn.
Romanzo animato da una galleria di personaggi indimenticabili – dal bizzarro reverendo Mootfowl, un artigiano folle, un genio degli attrezzi che accoglie Peter nella sua fucina, all’imponente, grassoccio Craig Binky, che se ne va in giro per New York con il suo «salsicciotto», un piccolo dirigibile floscio – e costellato di luoghi incantati – dalla Grand Central Station, nel cui soffitto Peter ha il suo rifugio, alle paludi, alle baie, ai laghi – Storia d’inverno viene considerata una delle opere più importanti della narrativa americana contemporanea.

Titolo: Dopo
Autore: Koethi Zan
Pagine: 368
Prezzo: 14,90
Editore: Longanesi
Pubblicazione: 2 gennaio 2014
 
Trama
Dopo la liberazione doveva essere tutto finito. Ma non è stato così. Sono passati dieci anni da quando Sarah è fuggita da quello scantinato, il teatro delle torture fisiche e psicologiche che Jack Derber le ha inferto per oltre mille giorni. Ma per Sarah non esiste ancora un «dopo»: vittima delle proprie fobie, vive rinchiusa nel suo appartamento di Manhattan. Fino a quando l’FBI non la informa che Jack Derber, accusato e imprigionato per rapimento, sta per essere rilasciato. Sarah non può consentirlo, perché lei sa. Sa che Derber non è soltanto un rapitore. È un assassino. Lo sa perché lei non era da sola, in quello scantinato. Con lei c’erano altre due ragazze, Christine e Tracy, e per i primi mesi di reclusione ce n’era stata anche una terza: Jennifer, la sua migliore amica. E Sarah sa, con certezza, che Jennifer è morta per mano di Derber. C’è una sola speranza, per tenere Derber in prigione: ritrovare il corpo di Jennifer. Per questo, Sarah deve trovare la forza di riallacciare i contatti con le altre sopravvissute, nonostante l’odio che loro provano per lei e nonostante i segreti che le dividono. Perché quel capitolo della loro vita non si è mai veramente chiuso. Perché quello che succede dopo è ancora più terribile.


Cosa ne pensate??

4 commenti:

  1. Mi ispira parecchio "Storia d'inverno"! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Storia d'inverno è nella WL...sembra davvero bellissimo!

      Elimina
  2. Mi ispirano tutti e due... sembrano molto interessanti! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppe uscite interessanti! Il mio povero portafoglio :S XD

      Elimina

Il nostro blog cresce con i vostri commenti!
Lasciate un segno del vostro passaggio ^^

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...